Kimono à la carte!

“C’est le livre qu’il te faut quant tu as une manque de couleur” Eusebia

Apparteniamo per nascita al paese nel quale nasciamo; idealmente possiamo appartenerne ad un altro  (è il mio caso: una francese mancata, come suol sempre dire una mia amica),  ma accade, però, che oltre al paese natío, oltre a quello nel quale vorremmo vivere e, magari, passare la nostra vecchiaia (per mio papà l’Alentejo in Portogallo) o una parte della nostra vita (buttala via una casa all’Ile de Ré…..), ci sia un luogo che da sempre ci accompagna, come fosse un karma…o un retaggio di una precedente vita: il mio paese “ombra”, il mio paese karma è il Giappone.  Da sempre, dacché ho memoria, c’è sempre stato un pezzo di Giappone nella mia vita, come quasi fosse un richiamo. Dapprima erano solo piccoli flash, poi, con il tempo il Giappone ha assunto lo status di paese della vita precedente: non so se la ragione stia nell’estetica del gesto fino al parossismo, nella forma rigorosa, nella bellezza dell’imperfezione o nel massimo del minimalismo che governa ogni gesto, ma è così…

E quando, per le Feste, la mia amica Eusebia mi ha offerto questo libro sui Kimono: KIMONO – I COLORI DEL GIAPPONE – La Collezione di Katsumi Yumioka, L’Ippocampo, Milano 2010 dicendomi “E’ il libro che ti serve quando senti che ti manca un po’ di colore”, non nego quanto sia stato “dolce naufragare in questo mare”!!!..il mare di Cipango, ovviamente…..

Organizzato a seconda del colore, ovvero “i colori del cuore” come ne dà notizia l’autore, il libro è un viaggio attraverso più tecniche artistiche: dal taglio del Kimono stesso, alla tintura della stoffa, alla resa del colore, al ricamo della seta, alla stampa….un viaggio che non vorresti finisse mai….

Per ogni sezione di colore e per ogni nuance un piccolo trafiletto dà notizia del nome in giapponese del colore che appare e del significato del colore stesso, nonché in quale occasione venisse usato un Kimono di tale foggia: una vera manna dal cielo!

E poi, quando lo si ha sfogliato tutto dalla prima all’ultima pagina, si ricomincia di nuovo scegliendo il colore preferito, lasciando che ogni tonalità evochi un pensiero, un ricordo, oppure, facendoci subito correre ad aprire il catalogo delle stampe di Hiroshige…..così, perché è bello lasciare i pensieri fluttuare così, come foglie di acero rosso o petali di fiori di ciliegio….

Per curiosare un po’ di più:

Roland Barthes, L’Impero dei Segni,Einaudi

Ruth Benedict, Il Crisantemo e la spada. Modelli di cultura giapponese, Laterza.

Goffredo Parise, L’eleganza è frigida, Adelphi.

Per il concetto di wabi-sabi, il concetto dell’imperfezione, delle cose incompiute e temporanee: Leonard Koren, Wabi-Sabi per artisti, designer, poeti e filosofi, Ponte alle Grazie.

Per Hiroshige, oltre alla numerosa produzione critica della sua opera che potete trovare ovunque, rimando al catalogo della mostra tenutasi a Roma: Hiroshige – Il Maestro della natura, catalogo della mostra a cura di Gian Carlo Calza – Roma, Fondazione Roma Museo 17 marzo – 7 giugno 2009, Skira editore.

Infine, mi permetto di segnalare l’opera di una straordinaria artista argentina, fotografa di grande fascino e carisma: Vivian Galbàn: anche Lei come me ha “un conto aperto” con il Giappone e ha dedicato a questo affascinante paese dalla cultura millenaria una serie di foto straordinarie nel suo Japantrip.…..quasi come avesse tradotto quel senso di assenza di peso che ho ritrovato nel film -meraviglioso!- di Sofia Coppola, Lost in Translation….

A presto,

Nichka

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

7 risposte a “Kimono à la carte!

  1. merci ma belle 🙂

  2. Anche a me proprio ieri è stato “offerto” questo libro da un’amica. Cercando immagini sul web per farne una recensione mi sono imbattuta in questo articolo. Carino, e interessante anche la piccola bibliografia 🙂

    • Grazie per il commento e le gradite parole!
      Mi permetto di dare un titolo in più alla bibliografia che ha trovato:

      Antonietta Pastore, Leggero il passo sui Tatami, Einaudi……è un racconto di vent’anni di vita passati in Giappone di una Signora che ha fatto scoprire e conoscere agli italiani Natsume Soseki. Buon viaggio!

  3. Ho segnato anche quello. Grazie mille, ripasserò ancora da queste parti ^_^

  4. l’ho subito letto! molto interessante, dev’essere troppo bello come libro, mi piacerebbe troppo sfogliarlo e sentirne l’odore! comunque, anche io amo molto il Giappone, la loro cultura mi affascina, e presto vorrei approfondire. mi consiglieresti dei libri? grazie e a presto. elena.

    • Cara Elena!
      Grazie del tuo messaggio e per essere passata dal Bark!
      Penso che il libro sia ancora a catalogo e, per gli altri titoli che domandi, prova a dare una sbirciata in fondo al post..ho messo dei bibliolink.
      Per gli altri titoli…resta sintonizzata e seguici, qui o su Facebook, perché un progetto Giappone è in cantiere!!!
      GRAZIE PER LA TUA VISITA!!!
      nichka

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...